1 ottobre 2017

Intervista esclusiva a Helen J. Nicholson



Per tutti gli affezionati lettori di Tradizione Templare, questa volta abbiamo il piacere di intervistare uno dei maggiori esperti mondiali sui Cavalieri Templari. La dottoressa Helen J. Nicholson, che ringraziamo per la cortese disponibilità, è una storica delle Crociate e degli ordini militari ed è professore di storia medievale alla Scuola di Storia, Archeologia e Religione, dell’Università di Cardiff.


Dottoressa Nicholson, iniziamo chiedendole quando e come è nato il suo interesse per gli ordini militari.

Mi sono dapprima interessata agli ordini militari dopo aver completato la mia laurea presso l'Università di Oxford e stavo lavorando e studiando per gli esami professionali. Stavo facendo alcune ricerche private come relax, e ho iniziato a leggere l’ Itinerarium peregrinorum et gesta regis Ricardi. Questa narrativa quasi contemporanea della Terza Crociata è molto favorevole a Templari e Ospedalieri, ma gli studi storici moderni affermavano che al tempo della Terza Crociata gli ordini militari avevano una scarsa reputazione. Così ho cominciato a indagare cosa pensavano veramente gli  scrittori medievali degli ordini militari.


Qual è il suo giudizio sulle Crociate?

Le Crociate hanno avuto un impatto enorme sul governo e l'economia europea nel Medioevo, e hanno svolto un ruolo significativo nello sviluppo dei sistemi di tassazione regolare. Nel Baltico, le Crociate assicurarono che i cosiddetti "Stati baltici" guardassero all'Occidente anziché all'Oriente. Ma le Crociate rimangono così controverse che è difficile giudicare il loro vero impatto in Medio Oriente o nella Penisola Iberica. C'è ancora molto da scoprire sulle Crociate dopo il 1291 e al di fuori del Medio Oriente.


Per quale motivo i Templari attirano così tanto interesse?

Alla gente piace il mistero. I Templari furono aboliti mentre erano ancora attivi e sembravano avere un futuro positivo. I contemporanei non capirono come o perché l'Ordine fosse stato distrutto in modo così veloce, e cercarono di trovare delle ragioni. Quella ricerca di una spiegazione dura da allora.


Quali sono, a suo parere, gli errori più frequenti a proposito dei Templari?

Errore: i Templari erano tutti cavalieri (infatti la maggior parte di essi non erano cavalieri);
Errore: i Templari erano dediti ai segreti e le loro case erano segrete (in realtà erano dei grandi promotori e le loro case erano piene di membri associati e di servi che non erano membri dell'Ordine);
Errore: i Templari non avevano niente a che fare con le donne (in realtà c'erano sorelle templari e membri associati e serventi di sesso femminile);
Errore: i Templari erano eretici (in realtà erano buoni cattolici);
Errore: i Templari adoravano Maria Maddalena (in realtà adoravano Dio, specialmente nella persona di Cristo, e veneravano la Croce di Cristo e la Madre di Cristo);
Errore: il papa abolì i Templari perché erano eretici (in realtà, il papa Clemente V affermò che non era provato che l'Ordine del Tempio fosse colpevole; egli abolì l'ordine con disposizione pontificia, poiché la sua reputazione era stata rovinata dalle accuse contro di esso).


Vi fu davvero una “eresia templare”?

No.


Ritiene che ormai se ne sappia abbastanza sui Templari?

Un grande massa di materiali inediti giace negli archivi d’Europa, in attesa di essere letta e analizzata; quindi non possiamo dire di saperne "abbastanza" sui Templari. C'è ancora una quantità enorme di cose da scoprire.


Come giudica l'attuale situazione degli studi sull’Ordine del Tempio?

Ci sono adesso molti studiosi dei Templari: leggendo i documenti negli archivi, analizzando le testimonianze medievali e studiando i siti originali delle loro case. C'è molta ricerca emozionante da fare: i ricercatori stanno studiando la liturgia dei Templari e la loro vita spirituale, nonché l'economia delle loro case, e le loro proprietà nelle città così come nei loro insediamenti rurali. Forse presto i Templari saranno così ben conosciuti allo stesso modo di altri ordini religiosi medievali come i Cistercensi e i Benedettini.


Può anticiparci qualcosa sulle sue prossime ricerche?

Il mio prossimo scritto riguarda i rapporti tra gli ordini militari e i vescovi in Gran Bretagna durante il Medioevo.


Grazie ancora alla Professoressa Helen J. Nicholson.

1 settembre 2017

XXXV Convegno di Ricerche Templari



XXXV Convegno di Ricerche Templari
Roma, 23 settembre 2017



Loredana Imperio
Il culto di San Tommaso Becket nell'Ordine del Tempio

Sergio Sammarco
Sui possedimenti dei Templari a Roma

Enzo Valentini
I Templari e i cavalli, secondo la Regola del Tempio

Giovanni Pascale
Vigne templari in Calabria

Fernando Lanzi
La devozione alla Madonna e ai santi nell’Ordine del Tempio:
nuove acquisizioni (Francia, Spagna, Inghilterra, Scozia)

Fabio Serafini
Il ruolo di Templari e Giovanniti nella lotta all’eresia catara

Giampiero Bagni
La sepoltura del maestro generale Arnau de Torroja: fonti e analisi scientifiche

Vito Ricci
Strategie insediative e patrimonio fondiario dei Templari in Capitanata, durante il regno normanno-svevo

Nicola Pezzella
L'immagine e il mito dei Templari in Messico e in America Latina. Fonti e testimonianze

Luciano Fortunato Sciandra
Considerazioni sul Templarismo